J.K. Rowling, Newt Scamander e animali improbabili.

Potrà sembrare strano, ma sì, ecco un’altra recensione.
Oggi parliamo della regina, di colei che ha cambiato il mondo grazie alla sua saga, colei che può tutto: Joanne Kathleen Rowling. E chi non ha sentito parlare dell’uscita dello screen play di Animali fantastici e dove trovarli?

animali fantasticiTitolo: Animali fantastici e dove trovarli
Autore: J.K. Rowling
Pagine: 377 pagine
Editore: Salani
Voto: ★★★★
Trama:

Abbiamo un magizologo (Newt Scamander), una Auror spodestata (Tina), sua sorella (Queenie) e  un no-mag (ovvero un babbano) che vuole fare il pasticciere (Jacob). No, non è l’inizio di una barzelletta. Siamo a New York, nel 1926 e Newt Scamander è appena approdato nella Grande Mela per portare a casa uno dei suoi curiosi animali. Una serie di eventi poeterà i quattro a conoscersi e a capire che qualcosa di strano sta succedendo in città.

Recensione:

Parliamone. Parliamone davvero, perché è… è magnifico. Una cosa per volta però.
Prima di tutto, partiamo dalla copertina che è bellissima, l’ho consumata a forza di carezzarla. Credo sia perfetta in tutto, dal materiale all’aspetto grafico che richiama molto lo stile e le decorazioni tipiche degli anni ’20.

Come si è capito, non è un libro in prosa. E’ lo screen play ovvero il film scritto, in poche parole. Manca, quindi, di descrizioni approfondite di ogni cosa, ci sono solo accenni e indicazioni a volte un po’ vaghe. Mi piace  e non mi piace, nel senso che avendo solo degli imput bisogna sforzarsi per immaginare l’ambiente, i personaggi e gli animali stessi. Allo stesso tempo, continuo a sentire la mancanza delle descrizioni della Rowling che erano sempre circondate da un’aura magica che richiama a quel tempo in cui abbiamo aperto Harry Potter per la prima volta.
Premetto che il film non l’ho ancora visto, ma mi sembra di averlo già fatto con questa lettura.
L’ultima cosa che ci tengo a dire è che le stesse decorazioni che ci sono in copertina si trovano all’interno. Non è un libro noioso sotto nessun aspetto.

Ma passiamo ai personaggi. Newt è il classico bizzarro inglese in gita negli USA che si fa riconoscere subito. E’ alla stregua dei meridionali che in spiaggia si riconoscono subito. E’ un personaggio salterino, pieno di azione, non si stanca mai, sempre pronto a proteggere i suoi animali anche quando altri vorrebbero solo ferirli. E’ animato da una forte passione per quest’ultimi.
La ship potente parte quando incontra Tina, la Auror che non è più Auror a causa di un incidente avvenuto con alcuni Babbani. Inizialmente crede di poter riottenere la sua carica grazie a Newt (in un certo senso), ma l’inglesino le darà filo da torcere. Anche Tina mette molta passione in quello che fa, la si può considerare una Newt al femminile. Sua sorella Queenie è la parte succosa della storia secondo me e mi spiace che il suo personaggio non sia stato approfondito visto le sue abilità.

Tiriamo le fila di questo libro.
Lettura veloce, ma intensa. Un piccolo assaggio del mondo magico, senza Hogwarts,
senza i personaggi che siamo abituati a vedere, ma è un bene. La Rowling ha dimostrato che anche se esce leggermente dagli schemi, utilizzando nuovi personaggi e ambientazioni, il risultato è strepitoso comunque. Insomma, si conferma la regina.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...