Opposite booktag!

Buongiorno bimbi belli!

E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho postato (colpa del lavoro, della vita in generale) e oggi mi faccio perdonare con un booktag davvero carino di La Tana di una Booklover e che spero che molti di voi faranno  perché svela un po’ di curiosità sulla nostra libreria. Iniziamo!

1 – Il primo libro della tua collezione / Il tuo ultimo acquisto.

Nihal della terra del vento è stato il primo libro che ho posato sulla mia libreria, ha inaugurato un’era. Visto che sono povera, mi ha insegnato a viaggiare con la fantasia e con il portafogli che, più o meno, non subisce danni.
Agnes Grey di Anne Bronte è stato il mio ultimo acquisto, per saziare quella mia voglia di Inghilterra e balli e sale da tea che ogni tanto mi stringe lo stomaco.

2 – Un libro economico / Un libro caro

Una delle poche poetesse che davvero mi piacciono e ammiro è Emily Dickinson e una raccolta di sue poesie (Giunti Editore) l’ho pagata appena € 5,00. Per Illuminae, il discorso è totalmente diverso, anche se ne vale la pena.

3 – Un libro con protagonista maschile / Un libro con protagonista femminile


The perks of being a wallflower (Noi siamo infinito) è la storia di Charlie che decide di iniziare a vivere la sua vita, invece di osservare quella degli altri. Un bellissimo libro, veloce e che conquista.

Divergent sappiamo tutti di cosa parla. Di Tris, Tobias, le fazioni, la rivoluzione, l’abbattimento delle mura e la sconfitta delle proprie paure. Amo Divergent.

4 – Un libro che hai letto velocemente / Un libro mattone


Nonostante la stazza imponente di Eragon, il libro fila liscio che dio benedica Paolini perché è bravissimo e merita tutto da questo mondo. Non fa staccare gli occhi dalle pagine, tant’è che me lo portavo anche in bagno.
Al contrario, Fallen, con molte meno pagine, mi ha annoiato da impazzire e l’ho trovato solo molto sdolcinato e insensato.

5 – Una cover bella / Una cover brutta.

Questa è stata la parte difficile. Raramente mi piacciono le cover italiane dei libri (e poi perché dovrebbero cambiarle?) ma quella di Wondrous Strange è davvero magnifica.
Quella de L’ospite, invece, è un pugno in un occhio.

6 – Un libro italiano / Un libro straniero

Purtroppo faccio parte della schiera che ha notato Faletti come scrittore solo dopo la sua morte e Appunti di un venditore di donne è il suo unico libro che ho letto al momento, ma che rivela certamente un grande talento.
Looking for Alaska (Cercando Alaska) è invece il miglior libro di John Green fin’ora. Credo che sia di gran lunga superiore a Colpa Delle Stelle o Città di Carta.

7 – Un libro sottile / Un libro spesso

Un ponte per Terabithia. Sottile quanto doloroso. Non credo che possa essere considerato davvero un libro per bambini.
Città del fuoco celeste è stato un bel mattone pieno di avventure, e vorrei poterlo leggere di nuovo di per la prima volta.

 

Eccoci alla fine! Be’, non proprio visto che si sarebbero ancora tre opposti, ma non cosa mettere quindi facciamo sette che va bene lo stesso. O forse no.

Alla prossima!

2 risposte a "Opposite booktag!"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...