Pensieri e parole: “Il destino divide” di Veronica Roth.

Una duologia moderna e orginale, con molti punti in comune con il nostro mondo. Veronica Roth non si smentice e chiude la storia di Cyra e Akos col botto.

4Titolo: Il destino divide (Carve The Mark #2)
Autore: Veronica Roth
Pagine: 384
Editore: Mondadori
Voto: 4
Iniziato il: 08/09/2018
Finito il: 15/09/2018
Trama:

Il destino li ha fatti incontrare. Ora sta per dividerli. Non ci si può opporre al proprio fato. Sarebbe sciocco, oltre che inutile, perché non si può andare contro qualcosa di inevitabile. Lo sanno bene Akos Kereseth e Cyra Noavek, eppure, fin dal momento in cui è stato reso pubblico il loro, di fato, si trovano in bilico tra l’accettazione del proprio destino e il desiderio di tentare l’impossibile e cambiarlo. Akos non ha potuto fare a meno di innamorarsi perdutamente di Cyra, nonostante il suo fato preveda che lui morirà proprio al servizio della famiglia Noavek. E quando il padre di lei, Lazmet – un tiranno spietato e senz’anima che tutti avevano creduto morto -, torna alla ribalta reclamando per sé il trono degli shotet, il ragazzo si convince che la sua fine è ormai vicina. Nel momento in cui Lazmet innesca la tanto temuta guerra tra thuvhesiti e shotet, i due ragazzi sanno di non avere scelta, devono cercare di fermarlo in tutti i modi possibili. Anche se per Cyra questo potrebbe significare togliere la vita a suo padre, e per Akos perdere la propria. I due scopriranno quanto il fato che guida le loro vite possa sorprenderli in modi assolutamente inaspettati.

Recensione:

Ritroviamo i nostri personaggi esattamente dove li avevamo lasciati, ovvero su un flottante, con vittime e prigionieri. Akos e Cyra non sanno che la vera sfida deve ancora iniziare, che una guerra li aspetta e che ci saranno delle perdite da entrambe le parti.

Siamo centinaia
di cuori che rallentano.

Mentre cercano di sopravvivere, dovranno trovare una soluzione per impedire una guerra ormai alle porte e che centinaia di persone innocenti muoiano. Il tutto si svolge con i dubbi di Cyra e Akos, con contorno di rivelazioni sconvolgenti e poco tempo per elaborarle.
I nostri personaggi hanno poco tempo per realizzare che tradiranno e saranno traditi, ma tutto è lecito in amore e in guerra, no? Stiamo parlando di una verità così reale che fa capire che non tutto è sempre bianco o nero, ma che ci sono delle sfumature nel mezzo che risultano difficili da accettare, anche per noi stessi.

“Che cosa ripete sempre nostra madre? Chi va in cerca del dolore…”
“Lo trova sempre.”

Crescono e maturano in un’ambiente quasi sempre ostile e con mille preoccupazioni, tipo salvare la galassia da una guerra pronta a distruggere tutto e tutti senza troppe distinzioni.
In tutto questo, non manca l’amore, la speranza e la cautela. Adoro come la scrittrice abbia creato delle coppie interraziali (se così si può dire) o dello stesso sesso, senza assolutamente accentuare nulla di loro. Li mantiene nella normalità, nel quotidiano com’è giusto che sia.

Anche questa volta Veronica Roth mi ha piacevolmente sorpresa con una storia ricca di dettagli in un mondo tutto nuovo, non senza un po’ di sofferenza però. La parola chiave di questa duologia è “sacrificarsi per il bene maggiore.
Spero di rivederla presto in libreria con una storia tutta nuova  da scoprire.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...